Odontoiatria Conservativa

L’odontoiatria conservativa, detta anche restaurativa, è la branca dell’odontoiatria che si occupa del restauro del singolo dente danneggiato da carie o da traumi, attraverso otturazioni adesive (bonding), ricostruzioni o intarsi, in modo da ripristinare la normale funzione ed estetica dei denti. Sempre maggiore è inoltre il numero dei pazienti che desidera per motivi estetici sostituire le precedenti otturazioni in amalgama d’argento con otturazioni estetiche in resina composita. Il composito è formato da una resina chimica e da una parte inorganica, che, attivate da una lampada polimerizzante, si induriscono aderendo in modo perfetto alla dentina del dente, grantendo un’ottima efficacia e alti livelli di estetica, dato che il colore comune del composito è del bianco naturale dei denti.

 

Spesso durante le operazioni di conservativa viene utilizzato un foglio di plastica denominato “diga” utilizzato per isolare il campo operatorio, renderlo sterile e dare migliore visibilità al medico, garantendo al paziente un lavoro più preciso e rendendo impossibile l’ingerimento dei materiali utilizzati dal dentista o delle amalgame precedenti. La diga è uno strumento utile sia al paziente sia al medico, il montaggio della diga si effettua in qualche minuto e non comporta alcun tipo di dolore al paziente.